Cessione del quinto Rata Bassotta: vantaggi e svantaggi

Ibl Banca non è solo un istituto di credito, ma un vero e proprio gruppo, che offre servizi di gestione del risparmio, assicurazioni e prestiti, ma che vede il proprio nome indissolubilmente associato ad un prodotto, ovvero Rata Bassotta.

Che cosa è Rata Bassotta di Ibl Banca?

Si tratta di un prestito personale, che tuttavia è disponibile solo per dipendenti e pensionati, in quanto, in realtà è un tipo di cessione del quinto. Ciò lo arricchisce per alcuni versi, e lo limita per altri, con tutto ciò che la normativa stabilisce per questo particolare tipo di finanziamento. Tra le limitazioni ad esempio ci sono: la veste giuridica, lo stato di salute dell’azienda di cui si è dipendenti, l’importo massimo della rata mensile (che non può superare appunto un quinto dello stipendio) sempre che non venga superato il tetto del 50% dello stipendio netto se sono presenti altre trattenute in busta paga.

Come vantaggi troviamo invece la possibilità di ottenerlo anche con firma singola, se si è cattivi pagatori o protestati, e se si hanno altri finanziamenti in corso. Ciò rende la cessione del quinto rata bassotta molto utilizzata anche come forma di prestito di consolidamento debiti, nonostante venga pubblicizzato un finanziamento specificatamente preposto.

Banca Esempio prestito Durata TAN TAEG
Prendi 34.010,00 euro 120 mesi 5,10% 6,38%

Le caratteristiche di rata Bassotta Ibl

Si tratta di un prodotto che si è fatto largo sul mercato, grazie ad un tasso che è rimasto quasi sempre costantemente al di sotto della media di mercato (per la sola componente finanziaria). Per gli aspetti più generali non ha grandi novità, partendo da una durata di rateizzazione che va da un minimo di 24 mesi ad un massimo di 120 mensilità. Gli importi erogabili massimi, sono invece fortemente soggetti ad accordi e convenzioni che Ibl banca stipula in modo molto prolifico, e proficuo.

Ci sono però due aspetti che relegano Ibl banca ad un ruolo ancora un po troppo obsoleto, rispetto a molte concorrenti: il primo è la mancanza di un sistema che permetta di fare simulazioni di ‘calcolo rata’ semplicemente online, senza doversi rivolgere direttamente alle filiali, ed il secondo, sicuramente meno favorevole, è la scarsa trasparenza che caratterizza le condizioni contrattuali (aspetto superabile, anche in questo caso, solo in modo’ tradizionale’ tramite filiale).


Inserito nella categoria: Banche, Top