Ridurre od unire la rata: vantaggi e svantaggi dei finanziamenti di consolidamento debiti

Il vantaggio intrinseco nella dilazione di un pagamento, anche di rilevante importo, in un certo numero di rate, permette a chiunque di affrontare delle spese ingenti. Ma nasconde anche varie insidie, tra cui la facilità con la quale può sfuggire il controllo del pagamento delle differenti rate e l’aumento eccessivo del ‘debito’. Un problema che può affliggere sia le aziende chiamate all’adozione di programmi di ristrutturazione del debito, che i privati per i quali esistono finanziamenti specifici di consolidamento debiti o prestiti.

La migliore risposta ad un eccessivo indebitamento?

Ritrovarsi in una situazione di eccessiva esposizione debitoria è tutt’altro che difficile o impossibile, anche per chi è di natura più prudente. Infatti anche se le rate, prese singolarmente, sono di poco conto, con il loro cumulo rischiano di fagocitare l’intero reddito del debitore. E’ persino banale ribattere sul fatto che prima di accendere un nuovo finanziamento bisogna valutare la propria esposizione debitoria pregressa, e per farlo ci si può affidare a dei tool, disponibili gratuitamente online. Se la situazione arriva invece ad un punto critico, allora la soluzione migliore rimane quasi sempre quella del consolidamento debiti. Il significato è racchiuso nel nome stesso: si tratta di un finanziamento specifico che prevede di consolidare più prestiti in uno unico.

I vantaggi del consolidamento debiti: uno strumento utile se ben usato

Quando si fa richiesta di accensione di un finanziamento di consolidamento prestiti o debiti in sostanza si accetta di prolungare il proprio stato di indebitato, così da rendere la sola rata da rimborsare anche più facilmente sostenibile, aspetto, questo di cui bisogna esserne consapevoli. Inoltre bisogna evitare di aumentare la somma “a debito” chiedendo nuova liquidità, a meno che non sia strettamente necessario, e solo per le somme in più che servono veramente.

Scegliendo con attenzione il tipo di prestito di consolidamento, si può anche mediare sull’aumento delle rate che andranno rimborsate. Optando per un Tan più basso rispetto alla media dei finanziamenti già in corso, si può infatti evitare di scegliere un numero troppo alto di rate, così da non perdere il vantaggio economico di un minore esborso per gli interessi passivi che matureranno.

Come funziona il consolidamento debiti: procedura semplice ma non sempre veloce

Capita che si pensi alla richiesta di un prestito (o mutuo) di consolidamento debiti quando ormai la situazione si è fatta critica o quasi. In questi casi si rischia di non farcela con i tempi,infatti anche se la banca che è disposta a concedere il prestito, lo fa generalmente nel giro di qualche giorno, bisogna considerare i tempi che ci impiegano le banche e le finanziarie con le quali si hanno accesi prestiti da estinguere (e sostituire) a redigerli e inviarli.

Infatti una condizione di base per questo prestito è proprio l’estinzione dei prestiti in essere e la loro sostituzione con il solo finanziamento rimanente (che è appunto il prestito di consolidamento debiti), operazione che viene compiuta dalla banca subentrante. Da un punto di vista pratico invece a colui che vuole ottenere un consolidamento debiti non rimane altro che fare richiesta comprovando l’esistenza e la consistenza dei debiti residui da rimborsare.

L’iter che si segue può far pensare che il consolidamento debiti sia una sorta di “surroga” dei finanziamenti, ma sia nella forma che nella sostanza non è così. Con il consolidamento debiti infatti si opera una riorganizzazione e una sostituzione con contratti nuovi e differenti rispetto a quello originario, venendo meno anche la “motivazione” (finalizzato o personale) che ne ha portato la prima richiesta.

Per chi è adatto il consolidamento debiti?

Questo tipo di finanziamento è stato pensato per tutti coloro che hanno più di una rata e fanno fatica a seguire i tempi o gli importi di rimborso. E’ infatti innegabile che dover rispettare una sola scadenza già di per sé rappresenti un vantaggio da non sottovalutare, anche per una più serena programmazione di spesa nel suo complesso. Può essere indicato anche a coloro che hanno acceso prestiti con tassi più elevati, e possono in questo modo sostituirli con prodotti più convenienti, senza rischiare che la richiesta venga rigettata per l’eccessivo peso dei debiti già esistenti.

Conviene sempre?

Quando si decide di usufruire di questa forma specifica di prestito, non si è obbligati a farci rientrare effettivamente tutti i finanziamenti già in essere. Quelli che sono vicini alla scadenza, dovrebbero essere lasciati fuori, poiché si finirebbe con il pagare nuovamente interessi, con un impatto negativo dal punto di vista economico.

Cessione del quinto o prestito specifico per consolidare?

Le principali banche prevedono tutte dei prodotti specifici per realizzare il consolidamento dei prestiti, mentre un buon numero di finanziarie (come ad esempio Agos e Compass) adatta a questo scopo altri tipi di prestito come ad esempio la cessione del quinto dello stipendio o della pensione. Non bisogna confondere la cessione del quinto con un prestito di consolidamento debiti. Tuttavia vista la natura particolare delle “cessioni”, che non considerano come elemento principale nella valutazione l’esposizione debitoria, di fatto possono essere utilizzate anche con lo scopo di consolidare i finanziamenti già in essere.

In pratica però il consolidamento prestiti è un finanziamento specifico regolamentato e introdotto dal legislatore, che vanta una storia tra l’altro anche abbastanza breve: la sua introduzione è avvenuta infatti con il decreto legge 212/2011.
Online si possono spesso richiedere preventivi e valutazioni, ma nella maggioranza dei casi si deve poi seguire l’iter tradizionale.

Esempi di prestiti di consolidamento

Alcuni esempi offerti da banche e finanziarie sono:

  • Bnl permette di utilizzare anche come prestito di consolidamento debiti In Novo, che presenta il vantaggio di importi elevati -fino a 100 mila euro, scelta tra tasso fisso, tasso variabile e tasso variabile con cap, durata fino a 120 rate e flessibilità per i rimborsi;
  • Unicredit ha un prodotto specifico, con Unicredit CreditExpress Compact, che permette di ottenere fino a 50 mila euro, con piano di rimborso fino a 120 rate, e rata personalizzabile.
  • Intesa SanPaolo propone il Servizio Monorata: questa banca si impegna a una risposta in tempi molto veloci, nell’arco di 24 ore. L’importo massimo che può essere richiesto arriva fino a 75 mila euro, mentre la durata massima di ammortamento è di 10 anni. Interessante che l’offerta di riduzione delle spese accessorie per la sua accensione;
  • Ibl saldarate: Banca Ibl specializzata soprattutto nelle cessioni del quinto, prevede anche un prodotto specifico per il consolidamento prestiti. Il preventivo è personalizzato quindi ci si deve informare online o andare in un’Agenzia. Vedi anche la cessione del quinto IBL rata bassotta
  • Findomestic: banca appartenente allo stesso gruppo di Bnl ma specializzata nel prestito online, propone Rata Unica. Importo massimo 60 mila euro, e possibilità di seguire l’iter online grazie all’uso della firma digitale.
Approfondimenti
Come uscire dai debiti
Ho bisogno di soldi
Npl
Prescrizione debiti
Consolidamento con cessione del quinto
Consolidamento debiti cattivi pagatori
Surroga prestito
Troppi debiti
Ristrutturazione debito
Consolidamento debiti Unicredit
Consolidamento debiti Agos
Consolidamento debiti Findomestic
Consolidamento debiti protestati

Inserito nella categoria: Consolidamento, Top