Preventivo prestiti personali anche online con taeg basso

E’ capitato a tutti incappare in una pubblicità di finanziamenti a tasso zero, scoprendo immancabilmente che la possibilità di usufruirne era legata all’acquisto di un determinato bene. Ma perché non esistono prestiti personali a tasso zero? Per il semplice fatto che chi presta del denaro si assume un certo rischio a fronte della prospettiva di ottenere un guadagno e mentre sulla vendita di un bene, attraverso le commissioni sostenute dal venditore, il guadagno c’è comunque, nel caso del prestito personale questo aspetto verrebbe a mancare (vedi Come ottenere un prestito).

Quindi in sintesi, le banche e le finanziarie non offrono prestiti personali a tasso zero perché non convengono!

Il prestito adatto e dedicato a dipendenti e pensionati per esaudire i propri desideri

Ma anche nel caso del finanziamento finalizzato a tasso zero, molte volte controllando in modo scrupoloso il preventivo (vedi anche Firma digitale), ci si rende facilmente conto che l’operazione porta a un esborso maggiore di quanto ricevuto.

Purtroppo la paura di perdere la possibilità di acquistare un prodotto a condizioni imbattibili (ad esempio con la consegna gratuita se l’acquisto viene fatto on line o in un periodo promozionale, oppure con un forte sconto sul prezzo), normalmente spinge a firmare la richiesta del prestito senza aver prima richiesto un preventivo.
In altri casi si pensa di non averne il diritto. Ma quando si tratta di accesso al credito al consumo in particolare e di finanziamenti in generale, la normativa è molto chiara: la richiesta del preventivo è un diritto e nessuna banca o finanziaria può sottrarsi dall’obbligo di fornirlo. Tra l’altro questo deve avvenire rispettando una forma chiara che permetta di valutarne effettivamente le condizioni economiche e soprattutto la concreta convenienza.

Tasso zero sì, ma non a costo zero

Le finanziarie e le banche sono state spesso riprese dalle autorità competenti per la tendenza a porre l’accento sul Tan e di rendere poco visibile il Taeg che è l’indice sintetico del costo dell’operazione, e racchiude la maggior parte delle voci che porteranno ad un esborso (vedi anche Tasso usuraio).

Per cui su un preventivo con tan pari a zero si intravvede nella maggior parte dei casi un taeg che invece è maggiore di zero, a volte anche di qualche punto percentuale. Non bisogna credere alla spiegazione che si tratta dell’imposta di bollo applicata per legge sull’operazione dato che questo genere di costi è tra i pochi che non rientrano nel calcolo del taeg.

Invece, con molta probabilità, si tratta di spese fisse come quelle di istruttoria e le spese di incasso rid.

Un Tasso zero autentico anche se non totalmente gratuito

Il pretendere di poter usufruire di un servizio non è in linea con gli interessi dell’istituto finanziatore, tuttavia, su grandi volumi di vendite, si può ottenere una situazione molto vicina al vero tasso zero. Quando capita una proposta di questo tipo bisogna accettare di pagare le spese di istruttoria o gestione della pratica, che si aggirano intorno a qualche decina di euro, mentre bisogna evitare i finanziamenti che presentano delle spese di incasso rid troppo elevate, che si potrebbero andare ad aggiungere ai costi applicati dalla propria banca per il pagamento.

Ad esempio su una rata di 50 euro, si potrebbe arrivare a pagare mensilmente tra gli 8 e i 10 euro di spese, che rappresentano un 20% sostenuto ogni mese a titolo di sole spese.
Ovviamente non mancano possibilità di sfruttare invece reali rateizzazioni prive di costi e con Taeg pari a 0.

Caratteristiche “obbligatorie” dei preventivi per prestito a tasso zero

La forma
La prima e principale condizione è che il preventivo debba essere consegnato in “forma scritta”. Ciò vale tanto nella richiesta del prestito personale che di quello finalizzato all’acquisto di un bene o un servizio. Se chi effettua il calcolo dà delle informazioni a voce, oppure scritte di proprio pugno, bisogna sapere che non si tratterà affatto di un vero preventivo. Il calcolo deve essere fatto tramite un apposito software su moduli che abbiano ottenuto l’autorizzazione da parte dell’authority preposta. In caso contrario va chiesto in modo specifico di riformulare il preventivo così come impone la normativa.

Se questa richiesta non dovesse essere soddisfatta, allora è meglio non procedere e fare una segnalazione, sia alla direzione della banca o della finanziaria (allegando fotocopia del preventivo scritto a mano su un qualsiasi foglio di carta, ecc) che all’arbitrato bancario. Di norma questo tipo di problema non si ha con le banche come Unicredit, Bnl, Cariparma, Credem, ecc, ma si può verificare con le finanziarie minori.

Quando la richiesta è online

Il fatto che si richieda un preventivo on line non deve fare alcuna differenza. Tra l’altro gli Istituti di credito e le finanziarie (come Findomestic, Agos, ecc) che permettono di procedere via web, sono organizzate per offrire preventivi in regola con le disposizioni di legge.

Qui però si può avere un po’ di confusione nel caso in cui, dopo aver richiesto un calcolo tramite gli appositi tool (tipo calcola rata), si voglia procedere pensando di aver ottenuto allo stesso tempo un vero preventivo. Il modo giusto di procedere è:

  • fare una simulazione con gli appositi tool;
  • compilare gli spazi obbligatori per ottenere il preventivo;
  • salvarlo e stamparlo o consultarlo e conservarlo;
  • valutarne la convenienza confrontandolo con altri preventivi di diverso importo o durata con la stessa finanziaria, e con quelli di altre banche, purché riportino gli stessi dati. E’ fondamentale confrontare sempre: stesso importo e stesso numero di rate (in primis se si fa il confronto tra i prodotti di banche differenti);
  • valutare se le condizioni sono realmente quelle che soddisfano le proprie aspettative (il che vale anche per diversi prestiti a tasso zero, che potrebbero consentire l’uso di un numero di rate differente);
  • solo a questo punto si dovrebbe procedere seguendo la procedura guidata e sfruttando, quando possibile, la comodità e la sicurezza della firma digitale.

Prestito rifiutato: come è possibile?

Il fatto che dal preventivo emerga che si hanno tutte le condizioni necessarie e sufficienti per ottenere la somma richiesta, non indica che il prestito, dopo la fase di valutazione, venga ‘obbligatoriamente’ erogato.

Ci sono infatti tantissime altre informazioni che la banca vaglierà una volta ottenuta la documentazione tra le quali:

  • presenza di altri prestiti;
  • qualche ritardo nei pagamenti;
  • tipologie di reddito che vengono considerate solo con alcune percentuali, ecc.

In alcuni casi il “rifiuto” può essere gestito e portato in positivo, mentre in altri casi bisogna ‘aggiustare’ la causa che ha generato il rifiuto, e poi tornare a fare una nuova richiesta.


Approfondimenti
Prestiti web
Vacanze a rate
Relax Banking
Prestiamoci
Borsa del Credito
Smartika
Prestito infruttifero
Eppela
Prestito rifiutato
Prestito con diritto di riscatto
Difesa Debitori
Promozione prestiti
Prestito casa
Prestiti last minute
Microprestito


Guida durata Prestiti
Prestiti 120 mesi


Guida importo prestiti
Prestito 500 euro
Prestito 1000 euro
Prestito 1500 euro
Prestito 2000 euro
Prestito 3000 euro
Prestito 4000 euro
Prestito 5000 euro
Prestito 6000 euro
Prestito 7000 euro
Prestito 8000 euro
Prestito 10000 euro
Prestito 15000 euro
Prestito 20000 euro
Prestito 25000 euro
Prestito 30000 euro
Prestito 35000 euro
Prestito 40000 euro
Prestito 50000 euro
Prestito 60000 euro

Inserito nella categoria: Confronto, Preventivo, Top