Cessione del quinto dello stipendio o pensione: problemi e soluzioni

La cessione del quinto dello stipendio e della pensione gode di due aspetti che ne facilitano l’accesso da parte di tutti i dipendenti, sia pubblici che statali e di tutti i pensionati: il primo è dovuto al fatto che si tratta di un diritto dei lavoratori che siano in possesso dei requisiti minimi richiesti. Mentre l’altro aspetto è che questa tipologia di prestito gode di una garanzia molto forte, dal momento che il pagamento della relativa rata viene effettuato direttamente dal datore di lavoro.

Nonostante questo può succedere che la richiesta della cessione del quinto venga rifiutata. Prima di procedere alla richiesta bisogna quindi sincerarsi di una serie di informazioni.

Ovviamente le maggiori difficoltà possono riguardare soprattutto i dipendenti privati, mentre per quelli pubblici si possono verificare solo al di fuori dei prestiti pluriennali garantiti e non garantiti Inps ex Inpdap che godono di una procedura alquanto specifica.

Punto 1) Il numero di dipendenti minimo della società per i dipendenti privati

La legge del 2005 non ha dato indicazioni a riguardo, per cui gli istituti di credito possono decidere liberamente la dimensione della società, oltre che la veste giuridica, accettata per poter accordare la cessione del quinto. Il numero mediamente accettato è di 16 dipendenti, ma non mancano casi di numeri maggiori o inferiori. Quindi prima di vedersi rifiutare la richiesta di cessione del quinto, se si lavora in una società o ditta di piccole dimensioni, è meglio informarsi su questo requisito. In questo modo si ha la possibilità di rivolgersi a una banca o finanziaria che ha condizioni meno stringenti.

Punto 2) la solidità del datore di lavoro privato

Può sembrare una ingiustizia ma una banca o una finanziaria può rifiutarsi di erogare la cessione del quinto dello stipendio a dipendenti di imprese che non mostrino una certa solidità. Anche in questo caso i parametri adottati variano da istituto ad istituto, per cui bisogna informarsi prima su quelli a cui si riferisce l’istituto di credito prescelto.

In questi casi può essere molto utile rivolgersi a un consulente specializzato così da trovare la soluzione migliore.
Ad esempio Unicredit ha strutturato la propria cessione del quinto proprio mettendo al centro la consulenza: richiesta di preventivo online, risposta entro poche ore, e appuntamento con un consulente specializzato, senza che ciò sia impegnativo.

Punto 3) La durata minima del servizio del dipendente

La legge del 2005 non fa alcun riferimento alla durata minima dell’anzianità maturata dal dipendente (fissata in precedenza in 4 anni per quelli pubblici dalla normativa originaria), lasciando quindi totale libertà di scelta alla banca erogante la cessione del quinto. Da questo punto di vista c’è una certa disparità, dato che alcune si accontentano di due anni di anzianità, mentre altre alzano anche di molto l’anzianità minima accettabile.

Punto 4) Esistono cessioni del quinto senza Tfr e altre solo a Tfr “pieno”

Nella sua formulazione originaria il problema del tfr non sussisteva, ma ci si riferiva all’anzianità sola, dato che la cessione del quinto era disponibile solo per i dipendenti pubblici (per i quali ancora oggi è disponibile comunemente la forma senza Tfr). Con la sua estensione anche ai privati c’è la questione del Tfr. Questi serve come garanzia, per cui nel caso in cui il dipendente abbia ottenuto degli acconti del Tfr potrebbe incontrare dei problemi nell’ottenimento delle somme richieste o anche di somme parziali. Esistono istituti che accettano di erogare cessioni del tipo “no Tfr” rincarando la componente assicurativa.

Punto 5) L’età massima per accedere alla cessione del quinto dello stipendio e della pensione

Anche da questo punto di vista non c’è omogeneità di scelta. Ci sono banche che accettano richieste fino a 88 anni per la cessione del quinto della pensione, altre invece che si fermano sotto la soglia degli 80 anni. Queste limitazioni devono essere riportate nel foglio informativo. Ci possono essere delle limitazioni di età più puntuali per i dipendenti statali, che se non rispettate tagliano fuori dalle possibili agevolazioni legate a finanziamenti con tassi dedicati.

Punto 6) Possibilità di rifiuto della cessione del quinto da parte del datore di lavoro

Questi può rifiutarsi nel caso in cui sia già presente una cessione del quinto, a meno che il suo importo non sia inferiore alla quota di un quinto dello stipendio. Quindi il prestito con delega (noto anche come cessione del doppio quinto) può essere rifiutato.

Punto 7) La valutazione della Crif è possibile?

La stretta creditizia che c’è stata negli ultimi anni ha colpito un po tutte le tipologie di finanziamento che, essendo operazioni a rischio di insolvenza, non consentono al legislatore di stabilire delle restrizioni pregiudizievoli per l’istituto erogante. Il risultato è stato che alcune banche e finanziarie sono diventate pignole al punto da considerare la reputazione creditizia del richiedente comunque rilevante, anche se di norma la cessione del quinto è una delle poche forma accessibili per protestati e cattivi pagatori.

Si tratta di scelte interne, per cui se una richiesta viene rifiutata per una crif con segnalazioni da una banca non è assolutamente detto che il rifiuto si ripeterà altrove, scegliendo il successivo interlocutore con attenzione. Ovviamente questo è un caso limite. Se dovesse verificarsi, non ci si deve scoraggiare, ma solamente rivolgersi a Banche con un atteggiamento meno rigido per l’erogazione di una classica cessione del quinto.

Punto 8) L’assicurazione obbligatoria sulla cessione del quinto

Le cessioni del quinto devono essere accompagnate dall’assicurazione obbligatoria, che ha comunque un peso notevole sull’esborso finale del prestito, visto che il premio è unico e trattenuto al momento dell’erogazione della somma finanziata. Quindi se si richiede una somma X, si avrà a disposizione la “somma X- il premio assicurativo”.

Punto 9) Le caratteristiche dell’assicurazione obbligatoria

La componente dell’assicurazione rischi impiego (necessaria solo per i dipendenti) può essere di due tipi:

  • Polizza Rischio Credito: rientra nelle voci “commissioni bancarie” e nel caso della perdita del posto di lavoro l’assicurazione rimborsa la banca ma ha diritto di rivalsa sul dipendente;
  • Polizza Rischio Perdite Pecuniarie: la compagnia di assicurazione paga le rate durante il periodo di disoccupazione fino al nuovo impiego senza diritto di rivalsa (per tre mesi se il dipendente si è dimesso volontariamente) su quelle pagate.

Punto 10) Rimborso anticipato

Dato che il pagamento della parte assicurativa avviene in anticipo, per i premi non goduti il finanziato ha diritto alla restituzione dei relativi pagamenti.


Guida e Approfondimenti
Quota cedibile
Tassi cessione del quinto
Prestito con delega
Rinnovo cessione del quinto
Polizza Cpi
Cessione del quinto dipendenti privati
Simulazione cessione del quinto
Rinegoziare cessione del quinto
Rimborso cessione del quinto
Cessione del quinto veloce
Cessione del quinto 24 ore
Cessione del quinto tasso basso
Cessione del quinto cambio datore di lavoro
Cessione del quinto neoassunti
Cessione del quinto dipendenti pubblici
Cessione del quinto Inps
Cessione del quinto preventivo
Meglio cessione del quinto o prestito personale


Banche/Finanziarie
Agos cessione del quinto
Cessione del quinto BNL
Cessione del quinto Compass
Cessione del quinto Findomestic
Intesa Sanpaolo cessione del quinto
Cessione del quinto Unicredit

Guida pensionati
Prestito a pensionati
Prestito pensionistico
Prestiti invalidi civili
Cessione del quinto pensionati

Inserito nella categoria: Cessione, Guida, Top