Prestito inps dipendenti e pensionati: info e principali istituti convenzionati

Nella categoria dei prestiti inps sono confluiti un numero crescente di tipologie di finanziamento. Questo, spesso, crea una tale confusione da far ritenere alle persone che anche la social card vi rientri, ma di fatto non è così, come dimostra anche l’accessibilità ristretta a coloro che abbiano determinati requisiti reddituali e legati all’Isee.

Nei prestiti Inps, oggi possono essere considerati in sostanza solo due sotto sezioni:

  • una è quella dei prestiti inps ex gestione inpdap (quindi dal piccolo prestito ai prestiti pluriennali, per insegnanti, dipendenti pubblici in genere, ex ipost, ecc). Logicamente fatte salve sempre le limitazioni legate all’adesione al Fondo della Gestione unitaria autonoma delle prestazioni creditizie e sociali, con le relative tabelle per la determinazione di quote di rischio e spese di amministrazione (variabili per età e tipologia di finanziamento, ma comunque consultabili anche sul sito dell’Inps stesso);
  • i prestiti Inps per pensionati, frutto di accordi e convenzioni con le banche aderenti.

Differenze tra i prestiti Inps ex Inpdap e i prestiti Inps convenzionati

I prestiti Inps che hanno incluso i prestiti Inpdap si comportano allo stesso modo, per cui, come detto, possono accedervi solo i soggetti previsti dalla normativa, con gli stessi limiti di importi e durate. In sostanza non ci sono differenze rispetto al passato se non per il nome.

Conseguentemente il livello dei tassi, le varie spese accessorie, ecc, rimangono univoche e individuabili con la lettura delle apposite tabelle. Invece i prestiti inps per pensionati (tra i quali ci sono ovviamente anche la cessione del quinto della pensione), rientrano nella categoria dei prestiti convenzionati, perché non vengono erogati direttamente dall’ente previdenziale, ma sono frutto di accordi con le banche che accettano di riservare delle condizioni agevolate proprio ai pensionati inps (quindi praticamente a tutti i pensionati).

In questo caso non bisogna rivolgersi alle sedi Inps, ma direttamente agli istituti di credito convenzionati. Le banche aderenti agli accordi sono riportate in un elenco che è consultabile anche sul sito stesso dell’Inps. Tra queste si segnalano sicuramente:

Per quanto riguarda le finanziarie hanno stipulato la convenzione con l’Inps tra le altre:


Inserito nella categoria: Inpdap, Top