Prestiti senza reddito: le 3 situazioni più comuni e le possibili soluzioni

C’è una notevole differenza tra coloro che sono senza reddito e senza garanzie (oppure che non hanno un reddito dimostrabile), e chi, invece, possono richiedere dei prestiti chiedendo l’aiuto ad un garante. Questi ultimi infatti possono avere quasi tutte le porte aperte, mentre per gli altri la strada è tutta in salita ed a volte trovare una soluzione è quasi impossibile.

Per prima cosa bisogna partire dall’importo di cui realmente si necessita ed in funzione di questo, anche se non si hanno delle garanzie personali o rappresentate da un immobile, valutare se si hanno dei beni che possono essere ‘messi in gioco’, per aumentare le proprie chance di ottenere la somma o la liquidità di cui si ha bisogno. Vediamo comunque le varie ipotesi di prestiti senza reddito.

1) Senza reddito dimostrabile

Cercare dei prestiti online non ha alcun senso, ed è meglio rivolgersi alle banche con le quali si hanno rapporti da un certo lasso di tempo, che conoscono i movimenti bancari ed hanno un’immagine costruita nell’arco di più anni. In questo caso più che un vero e proprio prestito si può ottenere un fido abbastanza ampio oppure, se si hanno dei titoli, si può scegliere un’apertura di credito garantita con essi o un prestito su titoli. Con un reddito non dimostrabile da dichiarazione di reddito anche il prestito cambializzato può essere accettato senza troppa resistenza.

2) Senza garanzie

Se non si ha alcun tipo di garanzia, allora ci sono poche soluzioni. Si può optare ancora una volta per i prestiti con cambiali, che spostano e colmano l’assenza di garanzie (vedi anche Prestiti senza busta paga), essendo loro stesse una forma di garanzia molto solida, oppure il prestito su pegno. Qui è la cosa data in pegno a coprire ampiamente il controvalore attribuitogli e monetizzato sotto forma di prestito, quindi non c’è alcuna considerazione sul reddito o sulla presenza di altre garanzie. Inoltre se la somma ottenuta in prestito non viene restituita la banca si rifarà sull’oggetto del pegno, senza ulteriori conseguenze.

3) Con Garante

Se c’è una persona che è in grado di rimborsare le rate, alla banca non interessa particolarmente se uno dei richiedenti, o addirittura quello principale, sia senza reddito e senza garanzie personali. Questa è sicuramente la via più semplice da seguire, ed è valida anche per le richieste online, fermo restando che la mole di documenti da inviare diventa molta di più, perché coinvolge anche il od i garanti (documenti personali e reddituali).


Inserito nella categoria: Guida