Leasing auto per privati ed aziende: convenienza e caratteristiche generali

Molto spesso la proprietà di un’auto non rappresenta la soluzione ideale, specialmente quando si è titolari di partita iva, essendoci delle alternative che possono meglio soddisfare le necessità personali, soprattutto in materia di deducibilità fiscale. Oltre all’acquisto diretto dell’auto (anche tramite finanziamento), infatti, è spesso prevista la possibilità di scegliere un leasing (che a sua volta può usufruire di sfumature, e non sempre di poco conto, tra leasing targato, leasing strumentale, oppure semplicemente leasing auto), oppure il noleggio a lungo termine (anche se quest’ultimo è ancora troppo ristretto alle principali città come Roma, Milano, e le grandi province).

Leasing auto: a chi e quando conviene

Il leasing auto si differenzia dal leasing targato (che comunque riguarda auto aziendali e mezzi come camion, furgoni, ecc) e da quello strumentale per il fatto che è una formula a cui possono accedere anche i privati, a condizioni che difficilmente però risultano più vantaggiose rispetto ad un normale finanziamento (soprattutto nel caso dei finanziamenti a tasso zero o quasi).

La principale differenza tra il leasing auto a privati rispetto a quello per chi ha partita Iva, sta nel fatto che per i primi può non essere previsto l’acconto elevato alla stipula del contratto, mentre nel caso del leasing ad aziende o autonomi c’è l’acconto iniziale e poi il valore di riscatto, entro delle soglie ben definite.

Leasing auto nuova o usato?

Non sono molte le società che prevedono un contratto di leasing su un usato, a meno che non si tratti di auto di un certo valore (come ad esempio il servizio di leasing auto usate BMW). Nel caso di società finanziarie che non prevedano in modo specifico un ‘leasing auto usate’ allora bisogna chiedere apertamente se è previsto e soprattutto quali siano le caratteristiche minime che vengono accettate (che ad esempio possono essere legate alla data di immatricolazione di un determinato modello). Inoltre bisogna controllare anche i criteri utilizzati per la determinazione del valore/prezzo di riscatto, considerato che alcuni criteri sono solo dispendiosi e spingono ad acquistare auto pagando un prezzo maggiore (talvolta in modo smisurato) rispetto al valore che effettivamente il veicolo ha sul mercato.


Inserito nella categoria: Leasing, Top