Finanziamenti privati e aziende Ubi Banca: tante linee per una soluzione adatta a tutti

Ubi Banca presenta una discreta sezione prestiti, che spazia dalla tipologia del prestito personale propriamente detto, a quello finalizzato all’acquisto dell’auto oppure all’installazione di un impianto solare termico o fotovoltaico, fino al più classico di quelli per ristrutturazione.

Per le imprese, invece, c’è sia una sezione dedicata alle start up (vedi Prestiti per Start up), che una pensata per:

  • chi è già in attività, con un occhio di riguardo a chi si occupa del settore agroalimentare, oppure alberghiero o della ristorazione;
  • per i “giovani” che si cimentano nell’imprenditoria.

Troviamo infine a parte, nell’apposita pagina, il prestito personale online, che ha importi più limitati, ma per i quali si prevedono tempi di approvazione più veloci in linea con i finanziamenti richiesti con modalità digitali.

I prestiti personali (e non) di Ubi Banca: Skatto, Creditopplà e Forza sole

Sono tre i prestiti presenti nella sezione dedicata ai privati e alle famiglie e cioè Skatto, Creditopplà e Forza sole. Creditopplà è a sua volta strutturato su cinque tipologie di finanziamenti, che comprendono:

  • il Credito light, che permette di ottenere nel corso del tempo un alleggerimento del peso della rata, grazie al sistema di rate decrescenti. L’importo richiedibile è tra 3000 e 75000 euro rimborsabili fino a 10 anni di ammortamento. Il sistema applica uno sconto sul tasso di inizio contratto, pari a 0,30% ogni 3 anni e a condizione di aver provveduto a pagamenti puntuali;
  • il credito Relax, cessione del quinto della pensione con convenzione Inps, che prevede l’applicazione del tasso in funzione dell’età del richiedente, andando da un minimo di 6,40% (con età 59 anni a fine rimborso) fino a un massimo di 12,90% per chi è di età compresa tra 80 e 85 anni a fine piano di rimborso;
  • Creditopplà quinto, cessione del quinto dello stipendio, che ad aprile 2019 prevede come tassi applicati 6,70% per un dipendenti di Amministrazione Statale o Enti Pubblici e a 9,80% per Dipendenti di Azienda Parapubblica o Azienda Privata;
  • Creditopplà Fisso: si tratta di un finanziamento di importo compreso tra 200 euro e 75.000 euro che prevede l’applicazione di un tasso fisso determinato con l’Irs della durata del piano di rimborso (che può arrivare fino a 10 anni) più uno spread che ad aprile 2019 è di poco superiore a 10%;
  • Creditopplà Variabile, prestito personale con tasso indicizzato all’euribor a 3 mesi che ha stessi importi e durate del Fisso.

Nella linea Creditopplà troviamo anche la versione dedicata alla ristrutturazione della casa, che sfrutta un tasso fisso indicizzato all’Irs. Questo finanziamento può arrivare fino a una durata di rimborso pari a 120 rate, l’importo minimo è di 3 mila euro mentre non è indicato un importo massimo (che dipende dal tipo di intervento di ristrutturazione ordinaria o straordinaria da effettuare).

Sempre per privati e famiglie c’è Forza Sole, che permette di ottenere da 5 mila a 70 mila euro, da rimborsare anche fino a 180 rate, ad un tasso fisso di 8,5% (nel caso del tasso fisso si può arrivare fino a 185 rate in tutto). Infine c’è il finanziamento Skatto utilizzabile anche dai liberi professionisti, trattandosi essenzialmente di un leasing destinato all’acquisto di un’auto nuova, che copre fino al 100% della spesa complessiva entro una somma massima fino a 75 mila euro (al netto dell’anticipo iniziale). Questa soluzione include anche l’antifurto satellitare, la polizza assicurativa, la Skatto Card, e l’assistenza gratuita.

(Fonte: sito ufficiale Ubi Banca – Data: 23 aprile 2019)

Il prestito personale online

Se la linea Creditopplà è una conferma riproposta di anno in anno, tra le novità più recenti possiamo contare il prestito online che è però, a differenza delle altre tipologie, accessibile solo per i già clienti di Ubi Banca che abbiano anche, come requisito, il servizio di internet banking sul proprio conto corrente già attivo. Il prestito online infatti va richiesto proprio tramite l’apposita sezione dell’home banking, alla quale si deve accedere dopo aver fatto il login, dopo di chè si dovrà:

  • inserire l’importo che si vuole richiedere;
  • selezionare la durata;
  • confermare e usare il calcola rata;
  • viste le condizioni si devono poi compilare gli spazi obbligatori e decidere se salvare il preventivo, oppure richiedere direttamente il prestito confermando il tutto e seguendo poi la procedura guidata.

(Fonte: sito ufficiale Ubi Banca – Data: 23 aprile 2019)

I prestiti per start up, nuove imprese e in attività

Il prestito per le start up di Ubi Banca permette di ottenere a tasso variabile fino a 50 mila euro, da rimborsare entro 5 anni. C’è una sezione dedicata ai prestiti convenzionati con Cofidi, il fondo piccole e medie imprese ed eventuali accordi regionali. Come accennato la parte più consistente di offerte è indirizzata alle aziende (anche nuove imprese) impegnate nel settore alberghiero e della ristorazione, o comunque in quello agroalimentare.

Per queste Pmi sono previsti pacchetti di servizi diversificati, anche dal punto di vista finanziario, con possibilità di prestiti di breve o lungo periodo (fino a 84 mensilità i primi e 30 anni i secondi) o con anticipazioni dei crediti delle agenzie delle entrate o di finanziamenti regionali, ecc.

Anche i giovani hanno una sezione dedicata che vale sia per chi vuole investire sul proprio percorso di studi, che per chi ha dei progetti che vuole realizzare per creare il proprio futuro fino all’avvio di una start up. Tra i prestiti agevolati ci sono anche quelli previsti per l’imprenditoria femminile.

(Fonte: sito ufficiale Ubi Banca – Data: 23 aprile 2019)

Contatti Utili

Se si ha il bisogno di contattare Ubi Banca per chiedere assistenza o informazioni (fatta eccezione del blocco delle carte) si possono usare i seguenti canali:

  • Chat (che si attiva direttamente dal sito);
  • numero verde servizio clienti 800.500.200;
  • Scrivere all’assistenza per fissare un appuntamento o richiedere un contatto telefonico.

Per chi ha necessità invece di bloccare le carte, comprese quelle dotate di funzione revolving, dovrà scegliere l’apposito numero alla pagina dedicata, differenti appunto in base alla carta posseduta.


Inserito nella categoria: Banche, Top