MotusQuo: costi, funzionamento e modalità di registrazione

Il prestito tra privati nella forma di “social lending” ha chiare origini anglosassoni, ma anche in Italia si stanno affermando piattaforme che offrono questo tipo di finanziamento. Tra queste troviamo la start up innovativa MotusQuo che ha la sede a Milano e gestisce una piattaforma on line specializzata proprio nel prestito tra privati, con data di fondazione risalente al 2014.

Che cosa offre?

MotusQuo è una piattaforma che mette i privati in contatto così da far incontrare:

  • chi vuole investire denaro ‘prestandolo’, ottenendo la propria remunerazione attraverso i tassi applicati;
  • chi invece necessita di un finanziamento a tassi spesso concorrenziali rispetto a quelli proposti dalle banche e dalle finanziarie ‘tradizionali’.

Le opinioni sul social lending oggi sappiamo essere abbastanza positive, proprio perché costituisce una possibile strada alternativa per chi cerca questi due tipi di servizi. Riferendoci invece a MotusQuo, vista la recente presenza sul mercato, è ancora presto per poter dare giudizi positivi o negativi, al di là delle semplici recensioni che presentano logicamente un carattere fortemente soggettivo.

Sicuramente il fatto che la registrazione sia semplice ed intuitiva e che venga usato come metodo di trasferimento di denaro Lemon Way costituiscono due aspetti positivi nel loro insieme.

Registrazione come prestatore o finanziato?

Al momento di fare la registrazione si ha libertà di decidere se creare il proprio account e profilo come investitore/prestatore oppure come finanziato (il tutto viene terminato tramite l’autenticazione e attivazione del profilo cliccando sul link che viene inviato alla casella di posta elettronica). I primi possono poi scegliere tra una serie di prestiti con profili di rischio diversi e quindi con rendimenti differenti, mentre ai finanziati viene attribuito un profilo di rischio, a seguito della valutazione da parte del team di MotusQuo che utilizza, tra i vari strumenti, anche i dati Crif (approfondimento: Cancellazione Crif).

Per completare la registrazione bisogna caricare e inviare i documenti necessari (la procedura è guidata e risulta comunque semplice) che sono:

  • documento di identità avanti e retro;
  • copia di una bolletta per provare la residenza in Italia;
  • documento ufficiale di conto corrente con Iban corrispondente a quello inserito in fase di registrazione.

Tassi e rendimenti

Non viene proposto un tasso fisso ‘adatto’ a tutti. In base ai vari profili di rischio viene infatti calcolato il tasso di interesse al quale si può ottenere il prestito. Questo rappresenta anche un valore indicativo del “rendimento” che può ricevere l’investitore (in realtà la reale remunerazione è legata al mix dei tassi associati alle quote di prestiti che decide di sostenere).

Per quanto riguarda la quota spettante alla piattaforma per i suoi servizi, questa è rappresentata da una commissione del 3% applicata sull’importo che ottiene chi viene finanziato. Quindi chi chiede denaro tramite Motusquo sa che una parte dell’importo eventualmente concesso sarà accreditato decurtato da una somma pari al 3% dell’importo richiesto. Ad esempio su 10 mila euro di finanziamento saranno accreditati 9700 in quanto 300 vanno a remunerare Motusquo e sono trattenuti a monte.

(Fonte: sito ufficiale Motusquo – Data 03/02/2018)

Requisiti minimi

Sono previsti dei requisiti minimi generali che servono sia per registrarsi nella sezione dei potenziali finanziati che in quella degli investitori e requisiti specifici solo per chi richiede un finanziamento. I primi sono:

  • maggiore età (aver compiuto già 18 anni);
  • residenza in Italia (non è necessario avere la cittadinanza italiana ma basta dimostrare solamente la residenza).

Per coloro che vogliono richiede il prestito è anche richiesta come condizione quella di:

  • non aver superato i 65 anni di età;
  • non risultare come soggetto protestato.

Sempre e solo per i potenziali finanziati è inoltre prevista una reputazione creditizia che venga giudicata accettabile dal team di MutusQuo.

Principali caratteristiche dei prestiti

Come già detto non c’è un tasso fisso valido per tutti, mentre le caratteristiche fisse dei finanziamenti riguardano gli importi richiedibili e le durate. Nel particolare l’importo che può essere richiesto è compreso tra un minimo di 500 euro ed un massimo di 25 mila euro mentre la durata potrà essere di:

  • 12 mesi,
  • 24 mesi,
  • 36 mesi,
  • 48 mesi.

Come ultimo limite c’è quello del numero di prestiti che si possono richiedere contemporaneamente, valido solo per i potenziali finanziati. Non si può infatti avere più di un finanziamento alla volta. Se si necessita di una nuova somma bisogna estinguere anticipatamente quello che si ha già in corso, e solo successivamente chiedere uno nuovo (non sono previste formule di “consolidamento”).

(Fonte: sito ufficiale MotusQuo – Data 03/07/2018)

Esiste comunque anche un limite per i finanziatori/investitori i quali possono scegliere di investire somme che vanno da 200 euro fino a un massimo di 50 mila euro. Comunque si possono fare più investimenti contemporaneamente o anche successivamente rispettando i limiti di importo suddetti.

Bisogna tener presente che gli investitori non possono investire in un solo prestito. L’algoritmo della piattaforma, una volta deciso l’importo, la durata e il “tasso” ideale, provvede infatti a ‘frammentare’ la somma che si vuole investire tra varie proposte considerate più vicine a tutti questi requisiti. La distribuzione in quote tra più prestiti serve per ridurre il rischio di insolvenza da parte dei finanziati.

Come scegliere un investimento

Se si è scelta la registrazione come investitore si dovranno inserire nel tool di ricerca l’importo che si intende investire, l’orizzonte temporale ed infine se si vuole un rischio più basso, medio oppure più elevato. I tre profili sono calcolati in modo automatico dal sistema ma è possibile anche definire un piano personalizzato.

(Esempio da sito ufficiale MotusQuo – Data 03/07/2018)

Ad esempio se vogliamo investire 500 euro, per 12 mesi, con un profilo intermedio di rischio, ovvero quello Equilibrato, avremo in default le percentuali di finanziamento per quote come nella immagine successive:

Come appena accennato le quote possono essere anche modificate cliccando sulla scritta “Modifica” posta sul lato destro dell’immagine.

(Fonte: sito ufficiale MotusQuo – Data 03/07/2018)

Con questa procedura noi facciamo una proposta di investimento che viene ‘lavorata’ dal team di Motusquo e inserita nel marketplace perché trovi il lato della domanda, con una tempistica che normalmente è entro le 72 ore complessive. Per coloro che invece richiedono il prestito la tempistica massima è di 5 giorni che prevede anche l’accredito della somma sul conto inserito nella fase di registrazione.

(Fonte: sito ufficiale MotusQuo – Data 03/07/2018)

Come chiedere un prestito

Terminata la fase di registrazione come potenziale finanziato bisogna invece inserire l’importo, la durata e il tasso ideale per il proprio finanziamento. Dopo i controlli in base ai quali MotusQuo definirà anche il tasso corrispondente al profilo di rischio assegnato, la richiesta di finanziamento viene inserita nel sistema:

Contatti e assistenza

Per poter ricevere assistenza o anche semplicemente ottenere informazioni si hanno due canali:

  • inviare una email all’indirizzo [email protected];
  • chiamare il numero fisso 02 89293900 (dalle 9 alle 18 orario continuato tutti i giorni che vanno dal lunedì fino al venerdì).
Guida al Social Lending
BLender
MotusQuo
Prestiamoci
Smartika
Soisy

Inserito nella categoria: Prestito tra privati, Top