Finanziamenti Mediolanum: tante soluzioni ma non per tutti

I tempi in cui Banca Mediolanum era solo una banca di affari, specializzata esclusivamente negli investimenti sembrano ormai lontani, ed una prova di questo cambio di rotta proviene proprio dall’attenzione che negli ultimi anni, i vertici dell’azienda, hanno posto su alcune categorie di prodotti in particolare, tra le quali spicca proprio quella dedicata al prestito nelle sue varie forme (come ad esempio il prestito per ristrutturazione che si aggiunge al mutuo di ristrutturazione da anni al centro della proposta della banca milanese).

Il prestito Mediolanum: una soluzione per ogni esigenza? No, ma quasi

Banca Mediolanum divide la categoria dei prestiti in due sottosezioni e precisamente:

  • quella del prestito accessibile a tutti i suoi clienti (con o senza investimenti);
  • quella riservata esclusivamente ai suoi clienti che hanno in essere degli investimenti con la banca.

Le differenze sono tutt’altro che trascurabili, soprattutto se si va ad analizzare il sistema di tassi che diminuisce all’aumentare degli importi investiti, oltre che le grandi diversificazioni che riguardano anche gli importi richiedibili. A livello di prodotti si può scegliere tra: Mediolanum Riparti Italia; Mediolanum Credit; Mediolanum Money; Mediolanum Maxicredit.

Mediolanum Credit: senza l’obbligo di investimenti

Questo prestito è accessibile per coloro che vogliono un finanziamento, da rimborsare tramite rid su conto corrente Mediolanum e la banca si presta come collocatore di un prestito Santander. Nel dettaglio le caratteristiche del prestito Mediolanum Credit sono:

  • importo finanziabile: da min 1500 euro a max 50 mila euro;
  • piano di ammortamento tra 12 e 120 mensilità;
  • spese di istruttoria: da 125a 250 euro;
  • tasso: fisso.

Il prestito Mediolanum Riparti Italia, Mediolanum Money e Mediolanum Maxicredit: possibilità solo con investimenti

Mediolanum eroga invece direttamente finanziamenti con il doppio limite di: già clienti e con investimenti in corso. In alcuni casi si aggiungono altre limitazioni, come la durata del rapporto in essere e un importo minimo di investimento in suoi prodotti e non (da valutare, insieme con il preventivo, tramite il ‘Family Banker’). Nel dettaglio:

  • Mediolanum Riparti Italia è un prestito di ristrutturazione. Ha un sistema di determinazione del tasso a scaglioni (con spread da 3,5% a 2,1%), e permette di ottenere importi che vanno da un minimo di 4 mila euro ad un massimo di 100 mila euro. Bisogna avere un conto corrente da almeno 6 mesi ed un patrimonio minimo investito di 5 mila euro. Questo finanziamento è da rimborsare in un tempo compreso tra 18 mesi e 120 mesi. Le spese di istruttoria sono pari all’1% dell’importo richiesto, con un minimo di 50 euro ed un massimo di 250 euro;
  • Mediolanum Money: si tratta in sostanza di un’apertura di credito, concessa sulla base degli investimenti che si possono mettere a garanzia, con una durata di 12 mesi, rinnovabile a scadenza. I costi accessori sono costituiti dalla commissione che è pari a 0,25% su base trimestrale, mentre a livello annuo si va da un minimo di 20 euro ad un max di 500 euro. Il tasso è variabile (indicizzato all’euribor a 3 mesi), e l’importo concedibile è tra i 1000 e i 250 mila euro;
  • Mediolanum Maxicredit: è riservato solo ai clienti con investimenti, e si tratta di un vero e proprio prestito personale, rimborsabile fino a 84 mesi, per importi che vanno da 2 mila a 250 mila euro. Le spese di istruttoria sono di 150 euro.

Conclusioni

I limiti entro i quali ci si può muovere per gli importi, sono ampi ed interessanti, così come i tassi di interesse applicati per la maggior parte dei prestiti erogati direttamente (come tra l’altro evidenziato dai numerosi forum a riguardo). Tuttavia le limitazioni imposte per potervi accedere spesso risultano troppo stringenti, specialmente per una banca che più volte ha sottolineato il proprio cambiamento ‘tout court’ che, tutto sommato, non è ancora avvenuto.


Inserito nella categoria: Banche, Top